Mercoledì 29 aprile dalle ore 11:50 alle 13:30 l’Università di Verona, Dipartimento Lingue e Letterature straniere, in collaborazione con Fevoss Verona Santa Toscana e il Laboratorio Intreccio, organizza l’incontro online “Carcere, scrittura, giustizia”. Protagonisti della lezione sono la dottoressa Margherita Forestan, Garante dei diritti dei detenuti del comune di Verona e il signor Pietro Ioia, Garante dei diritti dei detenuti del comune di Napoli, autore di “La cella zero”, un viaggio in un mondo poco raccontato, quello delle carceri e delle ingiustizie che i detenuti italiani subiscono.

Ioia racconta cosa significa la detenzione, cosa significa il sopruso, l’abuso di potere, la sospensione dei diritti. A Poggioreale Pietro Ioia ha conosciuto la “Cella Zero”, un luogo di torture dove detenuti di tutte le età venivano vessati da guardie penitenziarie. Uscito dal carcere Pietro ha denunciato e 22 persone sono state indagate, tra di loro molti secondini e anche medici.

L’incontro è accessibile al link https://univr.zoom.us/j/91957455501?pwd=jKwfRtKck-lDvD6kggIuTWk_0gE6A al quale tutti possono partecipare.