fevoss mensa sociale

Alla Fevoss in via Santa Toscana 9 (Porta Vescovo) i volontari offrono un pranzo caldo alle persone senza dimora. Il pasto viene preparato con cibi offerti da aziende alimentari e da ristoratori della città. Viene distribuito con tutte le attenzioni e precauzioni per rispetto dei commensali, seduti alle distanze stabilite, e dei volontari. 

In queste settimane di emergenza è possibile dare ogni giorno un pasto caldo a una quarantina di persone. I volontari, Fabrizio, Michaela, Leonardo, Elisa, Emanuele, Diego e Michele, Sandra, rispettando tutte le misure di sicurezza, hanno instaurato con le persone che usufruiscono della mensa, un rapporto di rispetto e di attenzione alle disposizioni, alla pulizia, al lavaggio delle mani.

Un servizio svolto dalla comunità Fevoss, in particolare dall’associazione Fevoss Verona Santa Toscana, dalle 11,30 alle 12,30, dal lunedì al venerdì e aperto alle persone senza dimora. 

«Ringraziamo le aziende alimentari e Amia che, con le loro donazioni, ci permettono di offrire a nome di tutti questo aiuto». «Un grazie che arriva anche dalle persone che frequentano la mensa che, in questi giorni, ci stanno mostrando tutta la loro gratitudine con piccoli e semplici gesti ma che ci fanno comprendere quanto apprezzino il nostro contributo».

Terminata questa emergenza sanitaria e sociale sarà possibile riprendere il progetto sociale denominato “Al Convivio di Santa Toscana”, dove il pranzo diventa occasione di socializzazione, di condivisione, di contrasto alla solitudine.